On Air Stiamo trasmettendo:
Alto Volume con Valentina Ceccatelli

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Ultimi appuntamenti al Met Jazz

 

Due appuntamenti chiudono la  rassegna Metjazz 2018:

 

Unica data in ItaliaVenerdì 16 febbraio alle ore 21.15, nella del Sala Vanni Musicus Concentus a Firenze  dalla Svezia arriva FIRE!, il supergruppo eccitante e distorto del jazz contemporaneo,composto da Mats Gustafsson (sassofoni, elettronica), Johan Berthling (basso elettrico)e Andreas Werliin(batteria e percussioni). Un trio carico di energia, che smonta le tradizioni classiche, inserendo nuove sfumature di suoni e soprattutto freschi approcci nella musica improvvisata - approcci provenienti in egual muisura dal garage punk, dai suoni della heavy indusrty e dall'elettronica.

  

Lunedì 19 febbraio alle ore 21.00 al Teatro Metastasio chiude la rassegna il concerto Una festa cubana della violinista cubana YILIAN CAÑIZARES con il suo quintetto "INVÓCACION", formato dal pianoforte di Daniel Stawinski, il contrabbasso di David Brito, la batteria di Frank Durand, le percussioni di Inor Sotolongo.

 

La vicenda personale e artistica di Yilian Cañizares è esemplare dei percorsi musicali nell'era della globalizzazione. Ha iniziato a studiare violino all'Avana, la sua città natale, e si è formata alla grande scuola didattica russa, che domina la scena cubana classica. Nel 1997 studia in Venezuela ma tre anni dopo emigra in Svizzera per studiare al Conservatorio di Friburgo. Ed è qui, in Svizzera, che la violinista, il cui obbiettivo è diventare una musicista classica, scopre il jazz e comincia anche a cantare. Il suo idolo è Stéphane Grappelli, sul cui virtuosismo agile e cantabile modella il suo stile. Presa la cittadinanza svizzera, la Cañizares inizia una carriera da solista jazz, con gruppi che mescolano le tradizioni afrocubane con la musica statunitense: prima il trio Ochumare ("arcobaleno" in yoruba), e poi l'attuale quintetto. Dunque la mescolanza di lingue è la cifra della sua musica: non solo perché canta in spagnolo, yoruba e francese, ma perché nella sua musica con grande senso dello spettacolo e impeccabile rigore della forma si mescolano stili diversi senza scadere in soluzioni più facili. Al contrario, il senso dello spettacolo, la brillantezza inventiva e il gioco d'assieme dei suoi gruppi producono un jazz di ispirazione cubana in chiave contemporanea. E il fatto che quell'allieva della scuola russa all'Avana oggi sia un'insegnante di violino e improvvisazione all'Ecole de jazz et des musiques actuelles di Losanna dimostra ancora una volta che i percorsi delle migrazioni e dei meticciati musicali possono raggiungere esiti tanto felici quanto imprevedibili.

 

ULTIME NEWS

Prato Antiqua a Nightswimming Jazz
Con Marco Milanesi
Leggi tutto

Sotto le stelle del Jazz
Con Marco Milanesi
Leggi tutto

Sounds on Friday Aprile 2018
Comunicato stampa
Leggi tutto

Referendum radiogas 2017
Commentato da Marco Monzali
Leggi tutto

The Trongone Band – Keys To The House
Recensione di Lorenzo Allori
Leggi tutto

Ariwo – Ariwo
Recensione di Lorenzo Allori
Leggi tutto